La verità sui tempi di conservazione dei dati in Centrale Rischi

Fino a quando le tue informazioni personali rimangono in Crif?

Tempi-cancellazione-dati-CrifÈ una domanda, questa, con cui dobbiamo confrontarci frequentemente. La risposta è articolata, e richiede alcune considerazioni preliminari.

Tanto per cominciare è necessario distinguere tra dati negativi e dati positivi. I primi riguardano finanziamenti che non sono stati rimborsati integralmente, gravi inadempimenti e sofferenze, e la loro permanenza in Centrale Rischi è di 36 mesi.

I dati positivi, invece, sono riferiti ai finanziamenti e alle morosità saldate.

Ti potrebbe interessare anche

La banca ti bolla come cattivo pagatore? Difenditi così

Così il Provvedimento Interpretativo di alcune disposizioni del Codice SIC (Sistema Informazioni Creditizie, NdR) del 26 ottobre 2017, finalizzato a supplire alla mancanza di una legge in materia. Inoltre, non essendo chiaro a partire da quando i fatidici 36 mesi vengono calcolati (dalla sottoscrizione del contratto di mutuo? Dalla prima scadenza non rispettata?), il Garante ha ampliato la finestra temporale fino ad arrivare a 5 anni.

Dunque, il monito per il cittadino che intende richiedere la cancellazione dei dati contenuti in CRIF è di essere consapevole che, probabilmente, non sarà possibile chiudere la questione in tre anni. Dal canto loro le banche, al momento della sottoscrizione del contratto di mutuo e finanziamento, devono fornire il SECCI (Standard European Consumer Credit Information, NdR).

Guarda il video

 La redazione 

 



 
 


CONTACT