Tutto quello che c’è da sapere sulla CAI

Usi assegni o carte di credito?

In caso di irregolarità da parte tua, potresti ritrovarti iscritto nella Centrale di Allarme Interbancaria, l’archivio digitale tenuto da Banca d’Italia.

loading...

Quando rischi di essere “schedato” in CAI?

Assegno-scoperto-CaiSe emetti assegni scoperti, o se il blocchetto è stato revocato dalla banca. Per quanto riguarda le carte di credito, invece, se non saldi i costi relativi agli acquisti e ai prelievi effettuati. Il numero di mancati pagamenti dopo i quali scatta il blocco è a discrezione della banca.

L’iscrizione deve essere preceduta da relativa comunicazione inviata tramite raccomandata a.r.

Dopo quanto vengono rimossi i tuoi dati?

La finestra temporale varia in base all’illecito da cui è scaturita la segnalazione. In caso di assegni senza autorizzazione/provvista devono trascorrere sei mesi, durante i quali non se ne possono emettere altri.

L’iscrizione decade invece dopo due anni in caso di carte di credito “scoperte”, ma nel frattempo l’interessato può continuare ad utilizzarle, in quanto l’inserimento in CAI ha valore meramente informativo.

Ciascuno ha diritto a consultare i propri dati inseriti in CAI: la richiesta deve ottenere risposta in un periodo compreso tra 7 e 15 giorni.

Leggi anche

Quali conseguenze può avere un debito sul veicolo che guidi?
 

La redazione

 


 

 

CONTACT