Ricattato dalla banca, il Tribunale lo salva dai tassi usurari

O paghi, o ti rovino la vita Ricattato_Dalla_Banca

Un ultimatum degno di un’associazione malavitosa, eppure a pronunciarlo è stato il dirigente di un istituto di credito. L’ex Banca Abruzzese, per la precisione
 
Leggi anche
 
Il malcapitato, un imprenditore titolare di un’azienda elettronica di Ortona, vittima di tassi diventati, nel corso del tempo, talmente pressanti e stringenti da sconfinare nell’usura
 
L’uomo però non si è arreso, e la banca ha pensato di punirlo con una segnalazione a sofferenza in Centrale Rischi. A questo punto l’imprenditore ha contattato Sos Utenti, chiedendo una perizia sui propri conti, e da qui è emerso che erano stati pagati interessi indebiti per un totale di circa 50.000 euro. Così il Presidente del Tribunale di Sulmona, Giorgio Di Benedetto, ha disposto la cancellazione dal Crif.
 
Leggi anche
 
«Il fenomeno delle illegittime segnalazioni alla Centrale Rischi-Cattivi pagatori (sofferenza e altre simili evidenze) è alquanto diffuso tra le Banche Abruzzesi e Italiane», ha spiegato Gennaro Baccile (Sos Utenti). «In generale, soprattutto a carico di aziende piccole perché è risaputo come da esse bene o male si riesca a recuperare  il denaro. Le stesse banche nascondono invece le vere sofferenze, determinate da Aziende di maggiori dimensioni i cui crediti sono stati concessi secondo logiche di compromessi o conflitti di interessi, tra Banchieri e imprenditori, nonché con l’intercessione dei galoppini della politica».
 
Intanto, l’imprenditore ha dovuto fare i conti con la distruzione della sua credibilità finanziaria, e quindi ha deciso di trasferire la sua attività produttiva in Romania.
 
Leggi anche
 
Da redazione 


 

CONTACT