Rottamazione cartelle esattoriali: la data da tenere d’occhio

Il 1 ottobre è una data da ricordare, per i contribuenti che vogliono chiudere i conti aperti con il Fisco

È questo infatti il termine del pagamento rateale per chi ha aderito alla rottamazione delle cartelle esattoriali. La scadenza, inizialmente prevista per il 30 settembre, è stata prorogata di 24 ore trattandosi di una domenica.

Il provvedimento consente di estinguere il debito con AER senza dover versare anche sanzioni e interessi di mora. Nel caso di multe stradali, poi, c’è l’esonero dal pagamento delle maggiorazioni di legge.

Leggi anche

Parma: consumatore avrà 30 anni di tempo per pagare i creditori

Chi riguarda la scadenza del 1 ottobre?

Le categorie di contribuenti coinvolti sono due: i beneficiari della definizione agevolata introdotta tramite DL 193/2016, e quanti hanno aderito alla seconda tornata, disciplinata dal DL 148/2017. Quest’ultima è stata specificamente dedicata ai carichi affidati all’agente di riscossione dal 1 gennaio al 30 settembre 2017.

Nel primo caso entro il 1 ottobre deve essere pagata la quinta e ultima rata della rottamazione, mentre nell’altro si tratta della seconda tranche.

Chi non paga, paga in ritardo o in misura insufficiente, decade dalla definizione agevolata e va incontro alla procedura di recupero da parte di AER.

loading...

Come effettuare il pagamento?

II bollettino RAV da utilizzare è stato inviato ai beneficiari della rottamazione unitamente alla Comunicazione delle somme dovute, ma può essere generato anche online attraverso il sito di AER.

I canali utilizzabili per il versamento sono molteplici:

  • sportelli bancari
  • bancomat
  • uffici postali

Inoltre chi ha un credito commerciale verso la PA può estinguere il debito avvalendosi della compensazione

La redazione

 


 

 

CONTACT